Sun Guangyi

Sun Guangyi

Ritorno al paradiso di Shangri-La

"Per tutto il giorno ho cercato invano un segnale di primavera

Le mie scarpe da erba sollevano nuvole dalla polvere di tutti i campi

Tornando a casa, sorrido, scelgo un fiore di pruno e lo annuso

E guardo qui sul rametto la primavera nella sua pienezza "

Questa è una poesia scritta da un Bhikkhuni (un monaco buddista femminile pienamente ordinato) nella Dinastia Song quando raggiunse l'illuminazione, e che rappresenta anche la mia attuale visione dell'arte.

Per tutti questi anni ho cercato lo "Shangri-La del cuore", e per dipingere lo stato d'arte ideale ho attraversato tutta la Shangri-Las in termini geografici, sono stato toccato dai loro paesaggi, umanità e religioni. Tuttavia non erano la "Shangri-La" che cercavo. Guardando indietro, improvvisamente mi resi conto che "Shangri-La" è in effetti ovunque: nei sorrisi innocenti dei bambini, in ogni nuvola bianca sul cielo blu, nei rami fioriti della primavera, nella neve invernale. Shangri-La è nel cuore di ciascuno e di tutti, nel presente quando ci godiamo la vita, nel presente quando meditiamo sopra una tazza di tè, nel presente quando passeggiamo tranquillamente, nel presente quando ci sentiamo gioiosi e grati.

Questi pochi anni nello Yunnan, dalla subtropicale Xishuangbanna al gelido Shangri-La, miei piedi hanno percorso l'antica strada del tè. Nei vecchi uffici postali rimangono frammenti della cultura antica, bandiere di preghiera sulla terra sacra ghiacciata, mucchi di pietra Mani, praticanti monaci di tradizioni diverse e persone di diversa provenienza. Tutte queste umili "tracce d'inchiostro" della vita, dei viaggi e dell'esperienza di praticare il Buddismo sono per me una forma di condivisione della gioia.

Non c'è forma oltre la forma. Scegliendo solo pennello e inchiostro, attraverso il mondo materiale, mi concentro sulla sensazione interna di quel particolare momento. A volte bizzarro, a volte sottile, a volte aggraziato, a volte intenso, sono tutti gli effetti che il mondo esterno ha sul cuore e sono anche il riflesso che il cuore proietta sul mondo esterno.

È possibile che non possiamo mai raggiungerlo in questa vita, eppure è il faro delle nostre vite, impedendoci di esitare e confondere il nostro cammino di vita. È anche la patria della nostra anima. La sua esistenza libera le nostre anime dal vagare sempre, fornisce ai nostri spiriti una casa e libera la nostra vita dalla solitudine.

Sii grato ai doni della vita!

Sii grato a ogni albero e ogni lama d'erba, le montagne e la terra per l'educazione che ci danno!

di Sun Guangyi

 

Return to Shangri-La- Heaven

"All day long I looked in vain for a sign of Spring
My grass shoes raising clouds from the dust of all fields
Returning home, smiling I pick a plum-blossom and sniff it
And look Here on the Sprig is Spring in its fullness"

This is a poem written by a Bhikkhuni (a fully ordained female Buddhist monk) in the Song Dynasty when she achieved enlightenment, which also represents my present insight of art. For all these years I have sought after the "Shangri-La of the Heart", and to paint the ideal state of art I walked through all the Shangri-Las in geographical terms, was touched by their landscapes, humanities and religions. Still they were not the "Shangri-La" that I sought. Looking back, I become suddenly aware that "Shangri-La" is in fact everywhere: in the innocent smiles of children, in every white cloud upon the blue sky, in the blossoming branches of spring, in the winter snow. Shangri-La is in each and everyone's heart, in the present when we are enjoying life, in the present when we meditate over a pot of tea, in the present when we are strolling leisurely, in the present when we feel joyous and grateful.

These few years in Yunnan, from the subtropical Xishuangbanna to the frosted Shangri-La, my feet have walked the ancient tea-horse road. At the courier stations remain fragments of the ancient culture, prayer flags upon the frozen sacred land, Mani stone piles, practicing monks from different traditions, and people from various backgrounds. All these humble ink trails of life, travel and experience of practicing Buddhism are for me a form of sharing the joy.

There is no form beyond form. Choosing pure brush and ink, through the material world, I concentrate on the internal feeling of that particular moment. Sometimes outrageous, sometimes subtle, sometimes graceful, sometimes intense, they are all the effect the outside world has on the heart, and are also the reflection the heart casts upon the outside world.

We all have in our hearts our own "Shangri-La". It is possible that we can never attain it in this life, and yet it is the lighthouse of our lives, keeping us from hesitation and confusion in our journey of life. It is also our soul's homeland. Its existence frees our souls from ever wandering, provides our spirits with a home, and frees our lives from loneliness.

Be grateful to the gifts of life!

Be grateful to every tree and every grass blade, the mountains and the earth for the nurture they give us!

by Sun Guangyi

 

Profile

1967 Borned in liaoning Province of China.

1981 Studied traditional Chinese painting in Chenzhou art institute of Liaoning Province.

1992 Gratuated from Liaoning culture and art university.

1993 Came to Beijing and became a professional artist.

1994 Lived in Beijing Yuanmingyuan artist village.

2003 Travilled to Tibet of Westnothern in Yunnan Province and Westsouthern in Sichuan Province, and created many paintings in title of <Shangri-La – Heaven> and <Blessings-Voyage to Shangri-La>.

2007 Became a monk for a short time.To practice Buddhism in life,and visited some holy land in Xishuangbanna of Yunnan Province and Burma.Walked to Jizu Moutain of Dali from Xishuangbanna with a thankful heart for twenty-five days.

Now live in Yunnan Province.

Has exhibited his works in China and abroad.

< Torna Indietro